lunedì 21 ottobre 2013

pomodori verdi

Finita l'estate è tempo di conserve.
La piantagione di pomodori ha dato abbondanti frutti, ma arrivati a fine ottobre non si può sperare che maturino alla mia latitudine...così ecco pronti due modi veloci per non perdere gli ultimi pomodori verdi che intrepidi sfidano l'autunno: pomodori sott'olio e marmellata di pomodori verdi (deliziosa da accompagnare a formaggi dal sapore deciso!)

MARMELLATA DI POMODORI VERDI (alla mia maniera)
Servono:
@ pomodori verdi (circa 800g)
@ succo di limone (due cicciottelli)
@ zucchero (250g)
@ un pomeriggio libero e le pargole che dormono

Lavare i pomodori, tagliarli a pezzettoni ed eliminare i semi e la parte più liquida. Tritarli (o sminuzzarli alla buona se vi piacciono le marmellate a "pezzettoni"), unire zucchero e succo di limone. Mettere sul fuoco, e dopo aver raggiunto un leggero bollore, lasciar cuocere per 50/60 minuti fino a che raggiunga la consistenza desiderata. Versare nei vasetti quando è ancora bollente, chiudere e capovolgere.
Dato che questa marmellata contiene poco zucchero va mangiata fresca, se però è necessario che si conservi più a lungo potete immergere i vasetti in una pentola e farli bollire per almeno 20 minuti (per non rischiare che i vasetti si rompano è meglio avvolgerli con degli stracci). Dopo tale cottura il coperchio deve aver perso il classico suono: "clack", altrimenti ripetere l'operazione!
...deliziosa!

POMODORI VERDI SOTT'OLIO

Servono:
@ pomodori verdi
@ sale
@ aceto
@ olio d'oliva
@ pepe nero in grani
@ aglio (se vi piace...)
@ tre momenti in tre giorni diversi

Lavare i pomodori e tagliarli a pezzetti (io avevo due qualità: i datterini che ho diviso a metà e i perini che ho tagliato a rondelle). Metterli per 24 ore in uno scolapasta cosparsi abbondantemente di sale perché perdano l'acqua. Il giorno successivo risciacquarli e metterli a bagno nell'aceto per altre 24 ore. Ogni tanto rimestarli di modo che l'aceto si distribuisca in maniera omogenea. Cambieranno colore: è tutto regolare!
Il giorno successivo scolare l'aceto raccogliere i pomodori in un piatto, schiacciarli con un altro piatto su cui sarà messo un peso: in pratica vanno strizzati. Un altro modo, più lungo, è di posare i pomodori su uno straccio ed aspettare che si asciughino. Io preferisco la prima versione.
Quando avranno perso l'aceto in eccesso metterli in un vasetto con qualche grano di pepe e se piace anche uno spicchio d'aglio tagliato a metà. Coprire i pomodori con l'olio.
Per mangiarli dovrete aspettare 60 giorni e nel frattempo conservarli al buio.

Buon autunno!

1 commento:

Chia B. ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Posta un commento